Skip to content

5G: Borghi (Pd), valutare esclusione delle aziende cinesi dalla rete italiana

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Redazione, Borsa Italiana

Copasir aveva gia’ chiesto grande attenzione al Governo’ (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Roma, 06 lug – ‘Il Regno Unito sarebbe pronto a iniziare ad eliminare gradualmente la tecnologia Huawei dalla rete 5G della Gran Bretagna.

La decisione del premier Johnson, in controtendenza rispetto ad alcune iniziali aperture di alcuni mesi fa, pone un tema sul quale e’ opportuno riflettere anche in Italia. La Grecia nei mesi scorsi ha formalmente deciso di puntare su Ericsson per implementare la propria rete di accesso, escludendo il ricorso alla tecnologia di origine e produzione cinese per la realizzazione del 5G nel territorio ellenico. Gia’ nello scorso dicembre, nella relazione al Parlamento sui rischi cibernetici, il Copasir ha richiesto al governo di valutare con grande attenzione l’esclusione delle aziende cinesi nella realizzazione delle reti 5G in Italia’ Lo dichiara in una nota Enrico Borghi, componente della presidenza Pd alla Camera e del Copasir. ‘Non si possono infatti che ritenere in gran parte fondate – sottolinea – le preoccupazioni circa l’ingresso delle aziende cinesi nelle attivita’ di installazione, configurazione e mantenimento delle infrastrutture delle reti 5G. La decisione inglese, dopo quella greca, pone quindi un tema all’Italia su come tutelare la sicurezza nazionale nel momento in cui,giustamente, stiamo ponendo il tema della realizzazione del 5G come punto qualificante del Piano nazionale di riforma e dell’impiego delle risorse del Recovery Funds, che potrebbero utilmente essere impiegate per lo sviluppo di una tecnologia europea per le reti 5G in grado di assicurare sicurezza e qualita’ alle nostre infrastrutture e non dipendenza da soggetti estranei al nostro perimetro di alleanza”.

Potrebbe interessarti anche...

Southampton, il primo porto europeo con private 5G

Articolo di Cristiano Ghidotti, Puntoinformatico Collaborazione annunciata tra Verizon e la Associated British Ports per implementare la tecnologia private 5G, messa a punto dal gruppo statunitense e Nokia,

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *