Skip to content

Attacchi contro le antenne 5G in Bolivia, ma il ministro dice che non ci sono

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Redazione, Sputnik News

Le autorità boliviane chiedono di fermare gli attacchi alle torri di telecomunicazione, lanciati dalla gente per timori che le tecnologie 5G comportino un rischio di diffusione del coronavirus, riporta il giornale El Deber.

Nella città di Yapacani, nel dipartimento Santa Cruz, sono state distrutte quattro torri per il segnale della telefonia mobile. I responsabili degli attacchi erano convinti che nella città fossero stati installati ripetitori 5G, che presubilmente provocano l’aumento dei casi di contagio dal coronavirus.

“Non ci sono antenne 5G in Bolivia, non ce n’è una”, ha chiarito il ministro delle Opere Pubbliche, Ivan Arias, le cui parole vengono citate da El Deber. Il ministro ha esclamato che queste azioni non sono nient’altro che atti criminali che creano problemi per la vita quotidiana dei cittadini e comportano danni alle infrastrutture.

In seguito la polizia locale è finita nel mirino del gruppo di vandali, che hanno distrutto le torri di telecomunicazione. Come riportato dai media boliviani, le forze dell’ordine hanno abbandonato la città.

Potrebbe interessarti anche...

Southampton, il primo porto europeo con private 5G

Articolo di Cristiano Ghidotti, Puntoinformatico Collaborazione annunciata tra Verizon e la Associated British Ports per implementare la tecnologia private 5G, messa a punto dal gruppo statunitense e Nokia,

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *