Skip to content

Trade war e Covid zavorrano il 5G. Cruciali le strategie dei governi

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Patrizia Licata, CorCom

Conseguenze ad ampio raggio per le nuove sanzioni Usa contro Huawei che impattano l’industria dei chip. Effetti del coronavirus a macchia di leopardo. Servono piani di lungo periodo per invertire il trend.

Lo scontro geopolitico tra Stati Uniti e Cina domina gli sviluppi della tecnologia 5G su scala mondiale, insieme agli impatti del coronavirus: è quanto si legge nell’edizione mensile di The 5G-aliser, la pubblicazione di STL Partners e Total Telecom che aggiorna sulle ultime novità in ambito 5G.

L’escalation delle sanzioni Usa contro Huawei, culminate nel divieto per il vendor cinese di rifornirsi di chip fabbricati in America, avrà conseguenze ad ampio raggio perché modifica gli assetti nell’industria delle Tlc e ridefinisce il ruolo di Huawei su numerosi mercati internazionali.

Al tempo stesso, lo studio individua alcuni fattori positivi per lo sviluppo del 5G: l’impatto sanitario del coronavirus che si attenua in alcuni paesi, una parziale mitigazione dell’incertezza finanziaria per gli operatori telecom, e le politiche di alcuni governi, che stanno puntando sul 5G come chiave di volta per la ripresa economica.

Ruolo chiave per governi e regolatori
Nel dettaglio, lo studio sottolinea che le nuove sanzioni americane avranno un effetto a catena sulla supply chain dei semiconduttori.

Inoltre, l’impatto del Covid-19 resta frammentato a seconda dei paesi. Molti stanno dando priorità al 5G come driver principale per il rilancio economico post-pandemia e stanno tentando di accelerare il roll-out. Ma in altre nazioni il coronavirus determinerà gravi ritardi sull’implementazione delle nuove reti mobili, sulle attività di ricerca e sviluppo e sulle aste dello spettro.

Ci sono poi le teorie complottiste sul 5G: giocano un ruolo nel rallentare lo sviluppo dei nuovi servizi mobili ma, secondo lo studio STL Partners-Total Telecom, hanno un peso minore rispetto ai mesi scorsi. I regolatori di diversi paesi stanno affrontando con determinazione questo fenomeno e anche l’industria delle Tlc sta cercando di contrastare la disinformazione.

In generale, le politiche 5G dei governi hanno in questa fase un enorme impatto sullo sviluppo delle reti mobili di nuova generazione, sia se prendono la forma di restrizioni sui vendor tecnologici sia se si concretizzano in incentivi per alcune applicazioni, come le smart city.

Potrebbe interessarti anche...

Il roaming entra nell’era del 5G

– In 34 paesi esteri, tutti gli abbonati COSMOTE usufruiscono già della velocità mobile 5G – L’elenco dei paesi è in costante

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *