Skip to content

La mappa dei Comuni italiani che bloccano il 5G

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Luca Zorloni, Wired.it

4,5 milioni di italiani vivono in città e paesi che hanno bandito le reti di quinta generazione. Ecco la mappa per scoprire dove sono

Il 6 luglio il sindaco, Giuseppe Falcomatà, annuncia ufficialmente l’editto: Reggio Calabria blocca il 5G. Come ha già fatto ad aprile il suo dirimpettaio, il primo cittadino di Messina Cateno De Luca, anche sulla sponda calabrese dello Stretto le reti mobili di quinta generazione sono state bandite. Messina e Reggio Calabria, rispettivamente con i loro 236.962 e 182.551 abitanti, sono i due Comuni più grandi del blocco anti-5G in Italia, la cui lista si allunga di giorno in giorno.

Dalla primavera del 2019 a metà luglio, la quota di italiani che vivono in Comuni dove l’installazione delle nuove antenne è stata proibita ha raggiunto i 4,5 milioni. Detto altrimenti, circa un italiano ogni 13 abita in paesi o città che hanno adottato provvedimenti contro le nuove tecnologie di telecomunicazione.

In alcuni territori il fronte del no si allarga a macchia d’olio. Nelle Marche, per esempio, i divieti dilagano: un cittadino su cinque vive in Comuni contrari e questi sono il 13,9% del totale regionale. Sedici sono quelli in provincia di Macerata e 35 quelli del Fermano, guidati dal capoluogo stesso. A Nord-est un veneto ogni sei abita in paesi e città no-5G. Le roccaforti sono le aree di Vicenza (19 Comuni) e Padova (23). Nella provincia di Lecce si concentra la fronda più nutrita di sindaci contro: 40. Forti resistenze si addensano anche nel Salernitano (17 Comuni), a Bolzano (15) e Cosenza (15). La Sicilia, tuttavia, è la regione dove in assoluto il maggior numero di cittadini rischia di rimanere escluso dalle nuove tecnologie: 845.514 (il rapporto rispetto alla popolazione è invece simile a quello del Veneto). Sull’isola, d’altro canto, tre capoluoghi di provincia si sono schierati contro: oltre a Messina (più quindici città del distretto), anche Siracusa e Ragusa.

Il calcolo effettuato da Wired si basa sull’incrocio dei dati del censimento dell’Alleanza italiana stop 5G (un’associazione che dal 2018 reclama una moratoria delle nuove antenne), documenti ufficiali e articoli di stampa. Se si sommano le ordinanze dei sindaci (l’arma più diretta) a delibere di giunta e del consiglio comunale per bloccare l’installazione delle reti di quinta generazione, da Nord a Sud si contano 431 municipi che hanno alzato le barricate. L’Alleanza dichiara di averne arruolati più di 500, tuttavia occorre escludere quelli che hanno adottato misure meno stringenti (come ordini del giorno, mozioni o delibere di indirizzo), per cui non sussiste un fermo stop al 5G.

Potrebbe interessarti anche...

Southampton, il primo porto europeo con private 5G

Articolo di Cristiano Ghidotti, Puntoinformatico Collaborazione annunciata tra Verizon e la Associated British Ports per implementare la tecnologia private 5G, messa a punto dal gruppo statunitense e Nokia,

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *