Skip to content

5G: 95,8 miliardi di euro in PIL aggiuntivo entro il 2025

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Ansa

Le tecnologie 5G giocheranno un ruolo fondamentale nella ripresa mondiale post-Covid-19. In Italia, il consolidamento dello standard di rete, porterà 209,8 miliardi di euro di vendite aggiuntive, tra il 2021 e il 2025, nei settori dei servizi professionali, manifatturiero e retail.

 

Oltre a ciò, 2,26 milioni di potenziali nuovi posti di lavoro e un’aggiunta al PIL nazionale di 95,8 miliardi di euro. Sono i risultati di una ricerca condotta da Accenture e commissionata da Qualcomm sul potere del 5G nell’influenzare la connettività e le economie dei Paesi a livello globale. A beneficiare maggiormente dell’impatto senza precedenti della tecnologia sarà proprio il manifatturiero, che secondo l’indice IHS Markit PMI a febbraio 2021 è salito in Italia a 56,9 punti, dai 55,1 di gennaio, superando le aspettative. “Le funzionalità abilitate dal 5G guideranno una varietà di casi d’uso, aprendo la strada all’ottenimento di vantaggi intersettoriali” spiegano i ricercatori di Accenture. “Queste innovazioni daranno risultati significativi sia alle aziende che alle persone”. Industrie e stabilimenti votati al 5G faranno registrare guadagni compresi tra il 20% e il 30% in più (sulla media consolidata), in gran parte nei processi di assemblaggio, gestione del ciclo di produzione e rilevamento dei difetti. Altri settori che sperimenteranno una crescita massiccia in Europa, grazie al 5G, saranno il mercato immobiliare, l’assistenza sanitaria, la mobilità, le tecnologia di comunicazione. Stando a Qualcomm, ci sono sfide che dovranno essere affrontate per far si che i numeri si trasformino in realtà. L’economia del 5G introdurrà un nuovo livello di complessità nel processo decisionale e normativo, per cui bisognerà stabilire sussidi e incentivi fiscali per incoraggiare progetti, pensare a politiche ambientali e sostenere lo sviluppo dell’OpenRAN, per slegare l’evoluzione della rete dai singoli operatori.

Potrebbe interessarti anche...

Southampton, il primo porto europeo con private 5G

Articolo di Cristiano Ghidotti, Puntoinformatico Collaborazione annunciata tra Verizon e la Associated British Ports per implementare la tecnologia private 5G, messa a punto dal gruppo statunitense e Nokia,

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *