Skip to content

PNRR. Governo Draghi verso aumento a 6,7 miliardi di fondi per banda ultralarga, 5G e satellite

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Paolo Anastasio, Key4biz

Il Governo Draghi starebbe meditando di aumentare la dotazione economica destinata alle nuove reti ultraveloci nell’ambito del Recovery Plan che va consegnato entro fine mese

Il Governo Draghi vuole aumentare i fondi destinati a banda ultralarga, 5G e satellite presenti nel PNRR portandoli dai 4,2 miliardi di euro previsti nella prima versione del documento messa a punto dal Governo Conte 2 e portarli a 6,7 miliardi. L’indiscrezione arriva dalla Reuters, secondo cui il Governo intende aumentare anche la somma complessiva destinata al digitale, portandola da 46,3 a 49 miliardi di euro.

L’Italia, com’è noto, ha diritto a risorse complessive per 206 miliardi di euro in base al Recovery Fund europeo, varato per sostenere le economie maggiormente colpite dal coronavirus.

Il Recovery Plan va presentato alle autorità europee entro la fine di aprile.

Già nei giorni scorsi il ministro dell’Innovazione e della Trasformazione Digitale Vittorio Colao aveva preannunciato l’intenzione del Governo di aumentare le risorse destinate alle infrastrutture ultraveloci del nostro paese.

Rete unica? Progetto superato

La Reuters conferma inoltre che il vecchio progetto di ‘rete unica’ sarebbe ormai superato. L’esecutivo, secondo la Reuters, starebbe predisponendo scenari alternativi al piano ‘rete unica’ promosso dal Tesoro nel precedente governo di Giuseppe Conte, che punta ad integrare le reti fisse di accesso di Telecom Italia (Tim) e Open Fiber, controllata da Enel e Cassa Depositi e Prestiti (Cdp).

Pluralità tecnologica e concorrenza

Un primo scenario, già elaborato dal ministro dell’Innovazione Colao, è basato sul principio di neutralità intesa come pluralità tecnologica: le connessioni ultraveloci sarebbero garantite utilizzando, a livello territoriale, le migliori tecnologie disponibili, non solo la fibra ottica ma anche il 5G e l’FWA (Fixed Wireless Access). Il governo, come già ventilato nei giorni scorsi, agirebbe con bandi di gara regionali e lotti quindi più piccoli, come richiesto da diversi player di mercato per spingere la concorrenza.

Potrebbe interessarti anche...

Il roaming entra nell’era del 5G

– In 34 paesi esteri, tutti gli abbonati COSMOTE usufruiscono già della velocità mobile 5G – L’elenco dei paesi è in costante

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *