Skip to content

CEO di Ericsson su fonti attendibili, concorrenza indiana, schema PLI, gamma di prezzo e lancio del 5G

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articolo di Danish Khan, ET Telecom

Traduzione a cura della redazione 5g Italia

“Siamo molto entusiasti del 5G. Più da un punto di vista dell’utilizzo, l’India dovrebbe essere uno dei primi nel 5G. E questo è guidato dall’aumento del consumo di dati che hai. E per farcela, abbiamo bisogno del 5G. L’India può ancora essere uno dei primi mercati del 5G, solo perché l’economia della rete lo supporterebbe “, secondo Börje Ekholm, CEO di Ericsson

Ericsson preferirebbe vincere in India battendo la concorrenza per i meriti del suo portafoglio di prodotti e dei costi competitivi piuttosto che a causa dell’esclusione di qualcuno dei suoi rivali, ha detto il presidente e CEO Börje Ekholm. Parlando con Danish Khan di ET, Ekholm ha detto che il produttore svedese di apparecchiature per le telecomunicazioni prevede di rendere l’India un hub di produzione globale facendo in modo che più attori del suo ecosistema aprano negozi nel Paese. Di seguito alcuni estratti modificati:

Quale ruolo ha svolto l’India nel primo trimestre e durante lo scorso anno? I risultati del primo trimestre hanno menzionato anche le implementazioni LTE in India.

Per noi, voglio dire, prima di tutto, dobbiamo riconoscere che l’India è un mercato delle telecomunicazioni molto grande, davvero, probabilmente il secondo più grande al mondo. Quindi per noi è un mercato chiave di cui far parte e qui siamo molto felici di essere partner di tutti gli operatori. Ma in realtà, qui è necessario continuare ad aumentare la capacità nel 4G, sulla base della crescente e continua domanda di dati. Ciò che è importante per noi è che effettivamente ci aiuti anche a guidare le roadmap future, ad esempio, su come rendere le soluzioni più competitive in termini di costi.

Quindi per noi la presenza in India è importante e ci siamo impegnati e continueremo a investire. Vorrei davvero che fossimo più forti in India in futuro.

Quindi, a marzo, tutti e tre gli operatori di telecomunicazioni privati ​​hanno acquistato un nuovo spettro. Come leggi il mercato indiano? Che tipo di opportunità puoi sbloccare per Ericsson?

Siamo molto entusiasti del 5G . Più da un punto di vista dell’utilizzo, l’India dovrebbe essere una delle prime nel 5G. E questo è davvero guidato dall’aumento del consumo di dati che hai. E per soddisfarlo, abbiamo bisogno dello spettro 5G. L’India può ancora essere uno dei primi mercati del 5G, solo perché l’economia della rete lo supporterebbe.

Ma pensi che l’India abbia ritardato il lancio del 5G?

Anche l’India si sta muovendo a un buon ritmo. E se guardi, a livello globale, l’India non è indietro in questo senso. Penso che ci sia un’opportunità per mantenerlo ad alta velocità. Penso che sia tutto su come lo spettro viene liberato e deve essere disponibile. Non credo sia giusto dire che l’India è più lenta in questo senso. Gli Stati Uniti hanno appena avuto l’asta sulla banda C da dispiegare in due tranche alla fine dell’anno e nel 2023. Quindi, in realtà, vedi anche altri paesi alle prese con questo. Quindi non lo direi. Il mercato indiano ha effettivamente bisogno del 5G per il semplice motivo di accogliere il traffico dati e anche per creare nuovi flussi di entrate.

L’accesso wireless fisso è un caso d’uso interessante per l’India, dove l’infrastruttura fissa non è realmente costruita. Quindi l’accesso wireless fisso può essere un caso d’uso molto interessante in India.

Si parlava solo dello spettro della banda media in India. Pensi che l’India dovrebbe anche considerare il rilascio dello spettro nelle altre bande come l’onda millimetrica insieme alla banda media in modo da poter sbloccare più casi d’uso?

Avere tutto lo spettro è importante. Quindi ottieni la banda bassa per la copertura, in un certo senso, la banda media per la capacità e ottieni la tua onda millimetrica per requisiti di prestazioni ultra elevate. Anche l’India dovrà rilasciare quello spettro e disporre di un portafoglio di spettri, quindi possiamo aggregare i vettori per ottenere la migliore esperienza utente in termini di copertura e prestazioni.

In India, il prezzo dello spettro è emerso come una delle sfide per bande come 700 MHz. Le società di telecomunicazioni hanno anche sollecitato le autorità a ridurre il prezzo base del 5G. Come accedi a questa situazione?

È un po’ un enigma qui. L’India è in buona compagnia con altri paesi, giusto, basta guardare all’Europa e la cosa interessante è che il valore per l’economia di avere una buona infrastruttura digitale è molto grande. E sappiamo che una maggiore penetrazione della banda larga mobile guida effettivamente la crescita economica. Ed è naturale capire che in un mondo in cui lavori in remoto, in cui comunichi e hai molte più flessibilità, l’infrastruttura digitale è fondamentale. E allo stesso tempo, molti governi cercano effettivamente di estrarre molto valore dallo spettro. Il problema è che gli operatori che dovrebbero costruire l’infrastruttura non ottengono un ritorno sull’investimento. Quindi è un po ‘, sai, ti stai quasi danneggiando, abbassando troppo il ritorno per gli operatori. Quando lo fai, corri il rischio di non avere a disposizione l’infrastruttura che aiuterà l’economia generale. Quindi sai, penso che i paesi in tutto il mondo che non menzionano l’India specificamente qui, debbano concentrarsi maggiormente su qual è il valore della mia infrastruttura digitale e su come posso costruirla il più velocemente possibile. Questo ha un valore molto più alto e le entrate che puoi ottenere sui siti di spettro.

Come consideri lo schema PLI per i fornitori? Interessa Ericsson?

Ora, stiamo cercando di fare un paio di cose in India, una è prima di tutto, come hai detto, Pune soddisfa la domanda indiana di attrezzature in modo da poter produrre localmente. Ma stiamo anche cercando di sviluppare l’ecosistema, l’ecosistema dei subfornitori in India, in modo da poter procurarci sempre più componenti in entrata a livello locale. Ci vorrà del tempo poich

Entreranno in vigore le nuove fonti attendibili dell’India per la regola delle apparecchiature di rete. Come vede questo per Ericsson e altri fornitori?

Siamo stati a lungo sostenitori di avere uno stack affidabile. L’intero stack che include apparecchiature, software, parametri operativi della rete, protezione e qualità presso le strutture di rete, ecc. L’intera nozione di stack affidabile, riteniamo sia una parte importante. Quindi vorrei prima riconoscerlo.

Ma non è solo la scelta del fornitore o la scelta dell’hardware dal fornitore. In realtà è l’intero stack, inclusi tutti i parametri operativi, firewall, ecc., su cui gli operatori prendono le decisioni. È importante. Per il 5G, la sicurezza deve essere al centro. Quindi questa è chiaramente una parte molto importante. Quindi stiamo anche investendo in, sai, chiamatele soluzioni di sicurezza, che possono aiutare la sicurezza della rete. Quindi, in questo senso, ci stiamo concentrando sul bisogno del cliente di avere una connettività affidabile e sicura alla fine, per soddisfarlo. Questo creerà sempre opportunità per noi in cui stiamo investendo.é qualificare nuovi fornitori nella nostra catena di fornitura richiede un po ‘di tempo, ma la nostra ambizione è quindi quella di far crescere l’India come punto di produzione per la nostra domanda globale e la domanda asiatica, ottenendo effettivamente più subfornitori e fornitori di componenti nella nostra catena di fornitura.

Nel caso in cui alcuni dei tuoi rivali non siano in grado di qualificarsi, vedi una possibilità per Ericsson?

I governi gestiscono le politiche del governo. Ci concentriamo su ciò che possiamo avere, ovvero quali soluzioni offro al cliente. E se riesco a portare soluzioni competitive da Ericsson, che risolvono le loro esigenze, allora abbiamo la possibilità di avere successo. E, sai, in realtà penso che sia l’unico modo per riuscire bene negli affari, alla fine. Se vinci a causa di altri fattori, i tuoi concorrenti sono limitati nell’offerta e non fornisci le soluzioni migliori, allora è solo una vittoria temporanea. Non è questo il modo per costruire l’azienda. Quindi, vedo di gran lunga che vinciamo per i nostri meriti di avere un forte portafoglio di prodotti, posizioni di costi competitivi, e quindi vinceremo indipendentemente dalle politiche che i governi implementano.

Nel 2020 e nel primo trimestre, quali aree di business hanno ottenuto buoni risultati per Ericsson in India?

Abbiamo continuato a guadagnare un’impronta nelle nostre attività di rete e abbiamo fornito prestazioni molto elevate e una crescita molto forte. Quindi vedi che gli affari nella regione crescono a doppia cifra se ci adattiamo alla forte corona svedese, quindi ha funzionato bene. Stiamo investendo nel nostro portafoglio 5G nativo per il cloud e ciò che vediamo e questo è molto incoraggiante, vediamo una grande trazione sul mercato. Quindi per me, sai, il risultato finanziario è maggiore, è un indicatore di ritardo. L’indicatore principale è che vinciamo nel mercato. Quindi è molto incoraggiante vedere i servizi digitali crescere del 3%. È più piccolo di una rete, ma in realtà sta crescendo e sta crescendo grazie a un portafoglio di prodotti competitivo. Questo è ciò che farà la differenza a lungo termine. Quind penso che quando guardiamo al business, stiamo seguendo i nostri piani, li stiamo eseguendo e le reti hanno un trimestre più forte, ma è molto incoraggiante con ciò che vediamo nei servizi digitali.

L’India può entrare nei primi 3 mercati a livello globale per Ericsson?

L’opportunità di mercato c’è. Si tratta della nostra capacità di eseguire e conquistare il business dei clienti. Quindi per me, dobbiamo assicurarci di essere competitivi e di poter davvero fornire le soluzioni che ci consentono di guadagnare quote di mercato. La mia ambizione è che saremmo più forti in India di qualsiasi altra cosa. Ma sta davvero a noi portare a termine la distribuzione.

Potrebbe interessarti anche...

Il roaming entra nell’era del 5G

– In 34 paesi esteri, tutti gli abbonati COSMOTE usufruiscono già della velocità mobile 5G – L’elenco dei paesi è in costante

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *