Skip to content

La vita in appartamento è la frontiera per l’internet domestico 5G

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Se vivi in un’unità senza accesso a Internet via cavo o in fibra, le reti mobili sono la soluzione migliore per le alte velocità.

Ci sono due aree quando si implementa la banda larga che presentano problemi: le aree più remote e le più dense.

Per le aree remote, l’argomento si basa esclusivamente sull’economia, ma per le aree edificate dove ha un senso economico assoluto, altre questioni vengono in primo piano.

Nel caso dell’Australia, il grossista nazionale a banda larga è impegnato a garantire che il 75% della sua impronta di rete fissa sia in grado di raggiungere 1 Gbps entro il 2023.

Il buco in questo piano sono quelli che vivono in appartamenti, che sono abbastanza sfortunati da non avere una connessione in fibra o via cavo e devono invece accontentarsi del doppino.

A differenza di molti posti in Nord America, l’Australia ha avuto il più breve flirt con i rollout dei cavi nel 1990, il che significa che anche con condomini abbastanza moderni, non vi è alcuna garanzia che qualcosa di diverso dal doppino intrecciato verrà installato dalla connessione in fibra nella sala comunicazioni alla tua unità.

Il CEO di NBN Stephen Rue ha dichiarato a ZDNet l’anno scorso, quando sono stati annunciati i piani di aggiornamento, che la società stava cercando “modi in cui tutte le nostre reti possono avere maggiori capacità”. Un anno dopo, l’azienda deve ancora cercare perché mentre si occupa di migliorare case, attività autonome e locali a abitazione singola, gli abitanti degli appartamenti vengono lasciati indietro.

È in questo vuoto che sono entrate le telco australiane, niente di più di TPG Telecom, che ha attivamente cercato di interessare gli utenti alle connessioni a 12 Mbps sul suo wireless fisso LTE. La società ha recentemente dichiarato che vedrà triplicare il numero di utenti sul servizio nei primi sei mesi dell’anno.

In un discorso della scorsa settimana, il CEO Iñaki Berroeta è stato entusiasta delle prospettive della telco nel replicare il suo successo sul wireless fisso 5G.

“La tecnologia 5G ci consente di offrire velocità molto più elevate sul nostro nuovo servizio Internet domestico 5G rispetto ai piani NBN50 e NBN100 di prezzi simili”, ha affermato.

“I consumatori hanno diversi requisiti di velocità di utilizzo e budget per il loro servizio a banda larga domestica e stiamo dando loro la possibilità di scegliere”.

Dato che NBN ha meno dell’8% dei suoi utenti su piani superiori a 100 Mbps e la maggior parte su 50 Mbps, il mercato indirizzabile è certamente lì.

L’aggiornamento dei condomini può essere un problema difficile da risolvere nel migliore dei casi. Quando un gruppo di proprietari può lottare per concordare il fissaggio e il pagamento per l’impermeabilizzazione, e sono completamente disturbati dall’idea che la biancheria sia visibile dalla strada, sollevare l’idea di riadattare un pezzo di fibra all’interno di un edificio, o il cielo proibisce l’esterno, sembra un ponte troppo lontano – è molto più facile sparare onde elettromagnetiche nell’edificio.

Questo funziona anche per le telco perché possono montare microcelle sui lampioni stradali per aumentare la capacità e la copertura quando necessario, e mentre garantire di rimanere intorno ai 100 Mbps su LTE potrebbe essere touch and go, farlo su 5G è molto meno di un rischio normativo.

Sotto il suo moniker Vodafone, TPG offre un piano AU $ 75 limitato a 100Mbps, e un altro per AU $ 10 al mese in più rimuove il limite di velocità. Va tutto bene, ma il vero asso nella manica potrebbe essere il suo piano all-you-can-eat-mobile da AU $ 85 al mese .

Al momento non è noto a quale tipo di limite di utilizzo TPG inizierà ad applicare le sue politiche di fair use sul piano, ma sembra estremamente allettante se si riesce a ottenere un segnale Vodafone 5G per interrompere la connessione fissa esistente, hotspot il telefono e andare per rotto. Vodafone ha affermato che nel piano è prevista una quota di tethering di 30 GB, ma a meno che non effettui lo sniffing e il monitoraggio del traffico attivo o presupponga che tutti siano ancora su iPhone bloccati dal tethering dell’ultimo decennio, la questione del rilevamento del tethering da parte degli utenti è senza risposta.

Sulla scia del recente annuncio di Vodafone, l’Australian Communications Consumer Action Network (ACCAN) ha leggermente spostato la sua posizione sul fatto che il 5G sia un sostituto del wireless fisso.

“Per alcune famiglie, un piano Internet domestico 5G può soddisfare meglio le loro esigenze rispetto a una connessione NBN, ad esempio se si spostano abbastanza frequentemente o se ci sono solo una o due persone in casa. Tuttavia, per le famiglie che hanno più persone che cercano di utilizzare Internet contemporaneamente per cose come lo streaming video, l’utilizzo di videoconferenze e la riproduzione di videogiochi online, probabilmente saranno ancora meglio gestiti da una connessione NBN “, ha detto il vice CEO di ACCAN Andrew Williams.

“Crediamo anche che a AU $ 85 al mese, il piano di Vodafone potrebbe essere troppo costoso per molte famiglie, specialmente quelle a basso reddito, per prendere in considerazione il passaggio”.

Non per l’ultima volta, se una tendenza deve decollare, si vedrà per la prima volta quando i tipi di città interne alla moda la prenderanno.

Articolo a cura di Chris Duckett, ZDnet

Traduzione a cura della redazione 5G Italia

Potrebbe interessarti anche...

Il roaming entra nell’era del 5G

– In 34 paesi esteri, tutti gli abbonati COSMOTE usufruiscono già della velocità mobile 5G – L’elenco dei paesi è in costante

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *