Skip to content

Dove 5G e Wi-Fi lavoreranno assieme

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Fabbriche intelligenti, scuole e telemedicina sono gli ambiti in cui la tecnologia 5G porta i maggiori vantaggi. Senza soppiantare il Wi-Fi, che c’è per rimanere, ma affiancandolo dove servono IoT, realtà aumentata e realtà virtuale

Difficile di questi tempi leggere le pagine della tecnologia su un giornale senza imbattersi in un articolo sul 5G. Non c’è dubbio: assieme all’intelligenza artificiale e alla blockchain, il 5G è sicuramente uno degli argomenti più in voga. Il clamore è legato all’importanza dei cambiamenti sottostanti, anche se – non dimentichiamolo – si parla di una tecnologia nascente. In questo articolo parliamo di come gli analisti prevedono lo sviluppo del 5G accanto alle reti Wi-Fi e di alcuni ambiti applicativi in cui la tecnologia si rivelerà particolarmente interessante.

Il 5G non sostituirà il Wi-Fi

Oltre a velocità più elevate, una volta che il 5G sarà realmente realizzato, offrirà bassa latenza, maggiore capacità e velocità di trasmissione dati più elevate. Soprattutto, potrebbe aprire la porta ad applicazioni completamente nuove. Senza sostituire il Wi-Fi. Nessuno ancora immagina un campus universitario o un ospedale che rimuovono l’infrastruttura wireless e i dispositivi Wi-Fi per spostare tutto al 5G. Non è fattibile oggi e, stando a quanto si legge, le affermazioni secondo cui il 5G sostituirà il Wi-Fi sono prive di fondamento.

La realtà che si sta affermando è piuttosto quella di Wi-Fi e cellulare che coesisteranno nel prossimo futuro, entrambi al servizio dei casi d’uso nei quali l’una o l’altra tecnologia risulterà più indicata e in tandem per fornire le migliori esperienze utente possibili. Ecco tre esempi in diversi settori per dimostrare come il 5G aumenterà le implementazioni Wi-Fi esistenti.

La strada verso le fabbriche intelligenti passa dal 5G

Pochi settori saranno così influenzati dal 5G come la produzione, dove l’evoluzione della tecnologia cellulare potrebbe stimolare la prossima rivoluzione industriale. Sebbene la maggior parte delle fabbriche continui a funzionare su reti Wi-Fi, ha iniziato a emergere un’ondata di fabbriche intelligenti supportate dalla tecnologia 5G. L’opportunità è enorme: le fabbriche intelligenti potrebbero aggiungere tra 1,5 e 2,2 trilioni di dollari all’economia globale ogni anno entro il 2023, secondo il rapporto del Capgemini Research Institute “Smart Factories@Scale”.

Il 5G offre numerosi vantaggi all’industria manifatturieraPuò alimentare dispositivi mobili e robotica, il che porterà all’automazione di più processi manuali e al miglioramento dell’efficienza produttiva. In una fabbrica intelligente sarà possibile utilizzare la connettività 5G per consentire operazioni agili e una produzione flessibile. I processi che richiedono tempo come l’assemblaggio, l’imballaggio e la movimentazione dei prodotti potranno essere completati da droni e carrelli autonomi. Alcuni esempi ci sono già.

La società John Deere ha investito 500mila dollari in licenze private 5G per migliorare i suoi impianti di produzione. L’azienda sta cercando di implementare il 5G per rendere le sue linee di produzione più flessibili rispetto alle tradizionali reti cablate. Inoltre, l’azienda sta utilizzando il 5G per un sistema di visione intelligente a supporto della sicurezza dei lavoratori.

In ambito industriale, chiedere ai produttori di eliminare e sostituire tutte le loro infrastrutture e apparecchiature wireless esistenti con il 5G sarebbe un compito arduo, ma soprattutto non è necessario. Il Wi-Fi è un’opzione praticabile per soddisfare molte delle esigenze all’interno delle fabbriche di oggi. Lo scenario più probabile è che le fabbriche avranno una combinazione di apparecchiature Wi-Fi e 5G, in cui vengono implementate diverse tecnologie wireless per diversi casi d’uso e applicazioni, a seconda delle specifiche esigenze di larghezza di banda.

Esperienze di apprendimento completamente nuove e immersive nelle scuole

L’istruzione è un’area matura per l’innovazione 5G. Per le lezioni si usano lavagne, proiettori e opuscoli, gli stessi strumenti che si usano da decenni, solo modernizzati. Ma immaginiamo un’aula in cui gli studenti possano essere trasportati in un sito geologico o in una stazione spaziale, possano passeggiare ed esplorare in quei luoghi senza mai lasciare l’aula.

L’elevata larghezza di banda e la bassa latenza del 5G sbloccano la potenza della tecnologia di realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR), che può rendere possibili queste esperienze e fornire agli studenti modi completamente nuovi di interagire. La società Verizon si è impegnata in un progetto che ha l’obiettivo di fornire tecnologia avanzata a 100 scuole entro il 2021. La prima di queste scuole negli Stati Uniti è stata la Entrepreneurship Preparatory School, a Cleveland. Il laboratorio dell’istituto è dotato di Stazioni VR e AR che consentono agli studenti di vedere ricche immagini generate al computer e fare cose come esaminare una stella da vicino o viaggiare all’interno del corpo umano.

Poche scuole oggi sono dotate di questo tipo di tecnologia lungimirante. Ma poiché il 5G continua a maturare e a diventare più accessibile, questo tipo di apprendimento pratico potrebbe diventare la norma.

Il 5G può espandere la telemedicina e il monitoraggio remoto nel settore sanitario

La pandemia di Covid-19 ha accelerato la massiccia trasformazione dell’assistenza sanitaria, stimolando l’adozione diffusa della telemedicina e del monitoraggio remoto per garantire che i pazienti meno gravi rimangano il più possibile fuori dagli ospedali. Il Wi-Fi è emerso come una via fondamentale per l’erogazione dei servizi sanitari, poiché i pazienti ora utilizzano più che mai le proprie connessioni wireless domestiche per comunicare e ricevere cure da medici e infermieri.

Il 5G potrebbe essere un punto di svolta, espandendo l’assistenza sanitaria a distanza nelle aree che ne hanno più bisogno. Sebbene l’industria abbia avuto un’impennata nella telemedicina negli ultimi mesi, le comunità rurali spesso non hanno lo stesso accesso all’assistenza virtuale a causa della mancanza di una banda larga affidabile. Espandendo il 5G nelle aree rurali, milioni di pazienti in più potranno accedere a cure critiche. Questo è importante durante una pandemia, ma la telemedicina offre anche benefici a lungo termine per le comunità rurali.

Anche se non sostituirà mai il Wi-Fi negli ospedali, il 5G ha un potenziale immenso quando si tratta di monitoraggio remoto in tempo reale tramite dispositivi IoT medici. Il monitoraggio remoto è spesso ostacolato da velocità di rete lente e connessioni discontinue. Grazie alla maggiore capacità e alla minore latenza, i dispositivi IoT e i dispositivi indossabili abilitati per il 5G possono aiutare gli operatori sanitari a garantire la ricezione dei dati in tempo reale in modo da poter fornire la migliore assistenza possibile e prendere decisioni rapide.

C’è bisogno sia del 5G che del Wi-Fi

Il 5G ha un potenziale immenso e giocherà un ruolo chiave nell’elevare e trasformare la connettività in futuro. Quello che un po’ si perde nel clamore è il ruolo, secondo molti quasi impossibile da soppiantare, che il Wi-Fi attualmente svolge nel funzionamento dei sistemi, nonché quanto sia forte e affidabile la tecnologia Wi-Fi. Gli analisti sono concordi: il Wi-Fi è qui per restare, anche se nei prossimi anni il 5G inizierà a essere integrato in una varietà di settori per integrare e migliorare le esperienze degli utenti.

Articolo a cura di Michele Ciceri, ZeroUno

Potrebbe interessarti anche...

Il roaming entra nell’era del 5G

– In 34 paesi esteri, tutti gli abbonati COSMOTE usufruiscono già della velocità mobile 5G – L’elenco dei paesi è in costante

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *